4.7
( On 5 )

Guida veterinaria completa sulla displasia dell'anca

Che cosa è la displasia dell'anca?

Displasia anca significato

Si tratta di una alterazione dell'articolazione dell'anca a causa di una incongruenza tra il bacino e la testa del femore. L'acetabolo del bacino sarà deformato, in modo che la testa femorale "balla" all'interno di esso. Questo produrrà stress, attrito e infiammazione, portando doloreosteoartrite debolezza. Di conseguenza il cane ridurrà la sua attività fisica, perdendo massa muscolare, necessaria per stabilizzare l'articolazione, aggravando quindi il problema.

Fattori di rischio

La displasia è una malattia comune nei cani di taglia grande e ci sono razze più predisposte, come il pastore tedesco o il Labrador Retriever (Vedi tabelle prevalenza in funzione della razza)

Ha una forte componente genetica (Passato dai genitori ai figli), ma l'incidenza e la gravità dei sintomi dipende dalle condizioni di vita dell'animale (fattori ambientali). Il fattore ambientale più importante è il tasso di crescita: gli animali di taglia grande che crescono troppo velocemente (solitamente a causa di un'eccessiva assunzione di cibo), hanno una crescita diseguale delle ossa, dei tendini e dei muscoli, e dovranno sopportare un peso maggiore rispetto al normale, quando non sono ancora pienamente sviluppati: le articolazioni si deformeranno o non si formeranno correttamente. Un secondo fattore di rischio è rappresentato dall' eccessivo esercizio fisico e specialmente se ad alto impatto (ad esempio, salti, scale, ...) durante la fase di crescita.

Sintomi

I segni premonitori compaiono solitamente dal 5° o 6° mese (a volte prima). Possiamo infatti notare che il cane si fa male (stiramento degli arti), carica meno peso sulle zampe posteriori e può presentare difficoltà nel tenere il passo. Può avere dolore dopo un'esercizio fisico intenso o scivolare frequentemente. Possiamo anche osservare sbalzi di umore dovuti al dolore. Spesso si può vederlo camminare con un movimento oscillante dei fianchi o correre "come un coniglio", che salta con gli arti posteriori. A volte i sintomi possono scomparire o diminuire a fine crescita, lasciando solo i fianchi ondeggianti quando cammina.

Diagnosi

radiografía displasia

La diagnosi è fatta con una radiografia. Solitamente fatta sotto sedazione; infatti dovrebbe essere fatta con i fianchi in estensione, posizione che potrebbe causare disagio all'animale causandone il movimento e di conseguenza compromettendo la qualità dell'immagine. Per poter escludere al 100% la displasia dell'anca la radiografia deve essere eseguita nel primo anno di età. Normalmente non è necessario molto tempo per la diagnosi.

La "gravità" riscontrata con la radiografia non sempre corrisponde alla gravità dei sintomi,. Infatti il dolore dipende dalla principalmente dalla sinovite (infiammazione del giunto) e non la deformazione del giunto stesso. Così vediamo cani con una radiografia che mostra alterazioni importanti, ma con sintomi lievi e viceversa.

Trattamento

Non esiste un trattamento curativo per la displasia dell'anca. Di solito si ricorre ad una combinazione di azioni che permettono di migliorare notevolmente la qualità della vita dell'animale:

Mantenere un peso ottimale: È forse l'aspetto più importante.Quanto meno peso deve sostenere il giunto, minore è il dolore generato e minore l' artrite. Inoltre, è stato dimostrato che il grasso corporeo in eccesso porta il corpo a mantenere uno stato infiammatorio cronico, aggravando notevolmente i quadro clinico . La situazione ideale sarebbe quella di mantenere il cane esile, ma con adeguata massa muscolare. Ecco perché dobbiamo garantire che il cane continui a praticare una regolare attività fisica.

Le tecniche chirurgiche: recisione del muscolo pettineo, osteotomia tripla dell'anca, protesi al titanio, asportazione della testa femorale ... non sono considerati curativo, tuttavia possono essere utili affinchè l'articolazione torni alla sua forma anatomicamente corretta. Consultare il veterinario.

Farmaci anti-infiammatori: nei periodi in cui il dolore è importante, è consigliabile ricorrere a Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) come meloxicam o firocoxib. Come la maggior parte farmaci hanno alcuni effetti indesiderati come disturbi gastrici e intestinali e sono controindicati nei casi di grave insufficienza epatica o renale. NOTA IMPORTANTE: Non usare mai i farmaci anti-infiammatori per uso umano nei cani, in quanto possono avere gravi effetti sulla salute. C'è anche anti-infiammatorio naturale che se somministrati nella dose giusta, non hanno effetti collaterali noti. Questo è il caso del' Artiglio del Diavolo o degli acidi grassi Omega 3. Nonostante l'effetto non è così forte come i precedenti, se somministrato cronicamente può aiutare molto in casi lievi e permettono di ridurre la dose dei FANS nei casi più gravi.

Usando protezioni comuni: L'uso a lungo termine di integratori alimentari Permetterà rallentare la progressione dell'osteoartrosi e ridurre l'uso di FANS. Non comportano alcun effetto indesiderato e possono essere utilizzati nei cani anziani, cuccioli in quelli con altre malattie gravi.

Soporte de cadera canino

Prodotti ortopedici: Un esempio è il  tutore per l'ancaAiuta a stabilizzare l'articolazione e fornire calore alla zona, riducendo la progressione della osteoartrite e del dolore. Consigliato per casi lievi-moderati. Possono essere indossati per gran parte della giornata e migliorare notevolmente la mobilità dell'animale. Esiste anche un' imbracatura per cani che aiuta l'animale a supportare parte del suo peso.

Fisioterapia: Può essere usata elettrostimolazione, gli ultrasuoni, il laser, i massaggi, la terapia di movimento passivo (movimenti articolari aiutati da un fisioterapista), gli stiramenti, l' idroterapia su nastro subacqueo e esercizi a basso impatto. Con tutto questo si cerca di alleviare il dolore, rafforzare i muscoli dei quarti posteriori e la flessibilità dell'anca. Questo è un elenco dei centri di riabilitazione in Spagna.

Materassi speciali: Il riposo dell'animale è molto importante, tuttavia la displasia e l' osteoartrite si accentuano quando il cane svolge movimenti "a freddo", cioè quando l' animale torna a fare attività dopo aver passato molto tempo senza muoversi . Per questo dobbiamo usare letti ortopedici per evitare che il cane carichi tutto il suo peso sulle parti sporgenti del corpo (articolazioni). Il letto ortopedico permette una distribuzione omogenea del peso evitando punti di pressione sul corpo dell' animale.

Calore: Il calore riduce il dolore in modo significativo e accelera il recupero del cane. Può essere forinto sotto forma di copertemantelle e massaggi a infrarossi Inotre è importante proteggere l'animale dall'umidità.

Carrelli: nei casi in cui l'animale ha difficoltà ad alzarsi o effettuare una normale attività, le sedie a rotelle o carrelli possono ripristinarne l'autonomia. Infatti i carrelli permettono al cane di non abbandonare la sua attività fisica poichè consentono il libero movimento degli arti posteriori, evitando al contempo che questi sostengano il peso dell'animale. Grazie all'uso dei carrellini il cane torna a camminare, correre, fare i suoi bisogni e scendere le scale autonomamente.Ruedas para perro

Prevenzione

È particolarmente importante durante la crescita dell'animale. Così, anche se esso è geneticamente predisposto, è possibile ridurre al minimo lo sviluppo della malattia. Come già detto, il fattore più importante è il tasso di crescita. Questo dovrebbe essere costante, senza picchi. Esistono tabelle di crescita possono aiutare a tracciare il peso, tenendo conto del fatto che le curve saranno diverse a seconda del peso che il cane avrà da aduto. Sulla base di queste curve, varieremo la quantità di cibo fornita adattandola ad ogni individuo. È molto importante proporzionare il cibo alle dimensioni, in particolare nei cani di taglia grande/gigante, poiché un' alimentazione normale rischia di calorie in eccesso.

Il secondo fattore ambientale precedentemente indicato è l' esercizio. Questo dovrebbe essere lieve, regolare e di basso impatto. Vanno limitati i salti e le scale. I migliori piani di calpestio sono la sabbia compatta dei parchi e i boschi. Dovremmo evitare lunghe passeggiate sull' asfalto o in spiaggia in quanto "caricano" molto le articolazioni. Il nuoto moderato favorisce l' eserizio a basso impatto articolare e consente ampi movimenti  delle articolazioni, donando flessibilità .

Una diagnosi precoce è importante in quanto consente di iniziare il trattamento prima. In razze predisposte o in presenza di  sintomi di cui sopra è bene consultare il veterinario.

L'utilizzo di integratori alimentari (Chiamati anche protettori articolari o "cartilagine di squalo") è altamente raccomandato per la animali in fase di crescita che presentano o possono presentare displasia dell'anca in futuro. Sono integratori alimentari, senza effetti indesiderati possono essere somministrati dai primi mesi di età. Pur non impedendo la displasia stessa, prevengono l'insorgenza di osteoartrite, che è ciò che provoca l'infiammzione della capsula articolare causa di dolore e debolezza. Gli integratori più comuni sono a base di Condroitin solfato Glucosamina. I più avanzati contengono queste molecole "tagliate" al fine di massimizzarne l'assorbimento intestinale e aumentarne l' arrivo alla cartilagine, dove hanno effetto.

        

Laura Pérez Vila

Veterinaria di Ortocanis

Ortocanis