Il ruolo chiave della terapia fisica nel recupero dalla rottura del legamento crociato anteriore del cane.

 

I legamenti crociati anteriori o cranici sono una struttura che è frequentemente colpita nei cani. La tua rottura è uno deiprincipali cause di zoppiadegli arti posteriori. La causa principale di questa rottura è associata a un processo degenerativo cronico, in quanto raramente si tratta di una rottura attribuibile a una causa traumatica.

Recuperación de Rotura de ligamentos cruzados en perrosI principali fattori predisponenti per una lesione del legamento crociato anteriore sono diversi. Da un lato colpisce principalmente le razze di taglia grande, anche se piccola, con una certa conformazione anatomica, caratteristica per trovare gambe molto dritte, iperestensione del ginocchio ed eccessiva rotazione della tibia. Tra le razze più predisposte spiccano, tra gli altri, i Rottweillers, i Labrador, i Boxer e il San Bernardos. Per quanto riguarda le razze piccole con questa conformazione, spiccano gli Schnauzer, i Bassotti ei Basset Hound in miniatura,tra gli altri. L'instabilità articolare dovuta alla degenerazione finisce per provocare la rottura dei legamenti crociati anteriori, da qui la necessità di prevenire bene questo rischio attraverso l'uso diprotezioni per le ginocchiaper stabilizzare l'articolazione. Esiste anche una predisposizione alla rottura dei legamenti crociati anteriori nei cani di piccola taglia in cui la lussazione rotulea è molto frequente, fatto che favorisce l'instabilità articolare che finisce per provocare la rottura. Anche il sovrappeso e l'età sono fattori predisponenti. È molto comune per un cane che strappa un legamento crociato anteriore in un ginocchio per strappare anche l'altro legamento dopo un po '.

Il ruolo del legamento crociato anteriore è limitare la rotazione interna e lo spostamento cranico della tibia nonché l'iperestensione dell'articolazione. Pertanto, una delle principali diagnosi di questa rottura, a parte la presenza di zoppia nell'arto posteriore interessato, è attraverso l'esame obiettivo del cane e il cosiddetto "movimento del cassetto", in cui si conferma questo spostamento cranico della tibia . Un altro metodo diagnostico è la radiografia, in cui l'osso sesamoide popliteo è spostato più cranialmente.dalla sua posizione normale.

Perro con Protector de rodilla Ortocanis

Se il trattamento raccomandato per questa rottura è un intervento chirurgico, dovrebbe essere fatto il prima possibile dopo la diagnosi della rottura. La terapia fisica varierà a seconda del paziente e del tipo di intervento chirurgico, poiché alcune tecniche richiedono un'ulteriore stabilizzazione. Per quanto riguarda le tecniche chirurgiche extracapsulari, studi recenti come quello delUniversità Federale di Santa Maria(Berté et al., 2012) * sottolineano la grande importanza della fisioterapia nel periodo postoperatorio per il pronto ed efficace recupero del cane. Questo è molto importante, poiché ci sono chirurghi che non sono consapevoli del grande miglioramento che la fisioterapia consente ed esitano a consigliarlo, ritenendo che possa causare un deterioramento della guarigione. Al contrario, questi autori hanno progettato uno studio in cui hanno suddiviso in due gruppi un numero di pazienti con rottura del legamento crociato anteriore sottoposti a intervento chirurgico con tecniche extracapsulari. Nella prima è stata promossa una serie di esercizi di fisioterapia, mentre nell'altra no. I risultati sono stati che le modalità terapeutiche della fisioterapia utilizzate nel periodo postoperatorio noppure solo non hanno generato instabilità del ginocchio operato ma hanno consentito un miglioramento del recupero dell'andatura rispetto al gruppo in cui non è stata effettuata alcuna fisioterapia. Questo fatto limitava il rischio di atrofia muscolare e, quindi, migliorava la loro qualità di vita.

Questi esercizi erano i seguenti: Da un lato si praticava la crioterapia, tecnica con cui applicare il freddo, ad esempio attraverso l'uso diSacchetti di ghiaccio, riduciamo il dolore e l'infiammazione dell'articolazione del ginocchio dopo l'intervento chirurgico. Hanno anche praticato ilstimolazione elettrica neuromuscolare, che consiste nell'applicazione di un gel conduttivo per ultrasuoni attraverso il quale viene applicata una corrente elettrica tramite elettrodi che consente la stimolazione muscolare. C'è anche la possibilità di combinareelettroterapiacon ilecografia. D'altra parte, il fileidroterapiaHa anche permesso di migliorare la riabilitazione. Un'altra modalità praticata in questo gruppo di pazienti erano gli esercizi terapeutici attraverso l'uso dirampe,coni,palleealtri vari, che ha contribuito con successo a questa rapida ripresa. Anche il rafforzamento e la mobilizzazione passiva dell'articolazione hanno permesso di evitare l'atrofia articolare.

Infine, va detto che mantenere l'articolazione del ginocchio il più stabilizzata possibile dopo l'intervento chirurgico è una priorità. Pertanto, l'uso diprotezione del ginocchioDopo che l'infiammazione post-operatoria iniziale si è attenuata, contribuirà anche a migliorare la prognosi dopo la rottura del legamento crociato anteriore.

* L. Berte, A. Mazzani, FZSalbego, DVBeckmann, RPSantos, D.Polidoro, R. Baumhardt. 2012. Fisioterapia immediata in cani con rottura del legamento crociato craniale sottoposti a stabilizzazione chirurgica extracapsulare. Arch.Bras.Med.Vet.Zootec, v.64, n.1, p.1-8.

Clara Castells Urgell

Veterinario

ortocanis.com