Instabilità della spalla nel cane

Fisioterapia per un recupero di successo

L'articolazione della spalla è sferoidale consentendo così un'ampia gamma di movimenti, principalmente flessione ed estensione, ma anche abduzione e adduzione. In questa articolazione, la testa dell'omero si articola con la cavità glenoidea della scapola. Pertanto, la stabilità dipende da un insieme di strutture che raggruppiamo in meccanismi attivi e meccanismi passivi. Per quanto riguarda il passivo, questi sono fondamentalmente configurati dai legamenti gleno-omerali mediali e laterali, dalla capsula articolare, dal legamento sottoscapolare e dal ridotto contenuto di liquido articolare. Per quanto riguarda i meccanismi attivi, questi sono costituiti dalla combinazione delle suddette strutture (meccanismi passivi) con i muscoli bicipite, sottoscapolare, sottospinato e rotondo minore. Questi, quando si contraggono, consentono di stabilizzare l'articolazione della spalla, poiché posizionano la testa dell'omero all'interno della cavità glenoidea. Successivamente, voglio sottolineare la grande importanza che i muscoli, e quindi la fisioterapia, hanno nel generare stabilità in questa articolazione quando è stata alterata.

C'è poca documentazione sull'eziologia dell'instabilità della spalla e vengono descrittiHombro perroda un traumamicrotraumi da gravi a ripetuti come fattori che causano questa instabilità (Rials, 2015)1. Per diagnosticare questa patologia, appariranno i seguenti segni clinici: Innanzitutto, il cliente indicherà che il suo cane ha avuto una zoppia che era presente da molto tempo, anche se può apparire solo dopo un intenso esercizio fisico. In secondo luogo, in un'esplorazione sotto sedazione, determineremo anche il dolore alla palpazione e all'estensione della spalla, nonché possibilmente atrofia di vari gradi dei muscoli che compongono la spalla. D'altra parte, eseguiremo anche i test di stabilità craniocaudale e i test di abduzione / adduzione, confrontando i risultati con l'arto controlaterale. Effettueremo anche normali esami radiologici e sotto stress, anche se non sempre ci saranno di grande utilità. Generalmente, in essi, apprezzeremo segni di osteoartrosi e, in alcuni casi, segni di calcificazione del bicipite o tendine sovraspinato. Anche un'artrocentesi ci aiuterà nella diagnosi. Attraverso l'insieme di tutti questi test possiamo stabilire se si tratta di un processo intra-articolare o periarticolare. Se è intra-articolare, esploreremo questa articolazione utilizzando l'artroscopia. (Trilla, 2005)2. I principali reperti artroscopici in presenza di instabilità saranno sinovite, tendinite del bicipite, lesioni ai legamenti collaterali, al tendine sottoscapolare e al labbro (Rials, 2015)1.

Il trattamento per l'instabilità del gomito può essere medico o chirurgico. Il medico consiste nel limitare i movimenti e ridurre il dolore. In questo senso,antinfiammatori naturalise il veterinario consiglia antinfiammatori per ridurre il dolore.ortesi del gomitocon doppia fascia toracica, che chiederemo di aggiungere all'ortesi, poiché consente di ridurre il grado di abduzione della spalla se questa è la funzione desiderata. È fondamentale notare che in uno studio di Rials pubblicato nel 2013 AVEPA SEVC, del totale di 38 spalle di 35 pazienti studiati, 7 sono stati trattati solo con un trattamento conservativo più fisioterapia per il loro recupero e questo era completo e accettabile tranne in un singolo caso (ovvero l'85,8%). Pertanto, i buoni risultati evidenziano il ruolo chiave dei meccanismi attivi (i muscoli) nel generare stabilità in quell'articolazione. Per quanto riguarda il resto dei 31 pazienti, sono stati trattati conle tecniche chirurgiche più fisioterapia, con recupero completo o accettabile, risultano nell'88,6% dei casi, essendo quindi una percentuale molto simile a quelle trattate con trattamento conservativo più fisioterapia. Le tecniche chirurgiche utilizzate sono state la tenotomia del tendine del bicipite in 3 dei casi e la sutura extracapsulare con tunnel nella scapola e ancoraggio nell'omero in 28 dei casi (Rials, 2013)3.

Questo studio dimostra anche l'importanza chiave del legamento gleno-omerale mediale nell'esistenza dell'instabilità della spalla, poiché dei 35 casi di studio, solo in uno questa struttura non era interessata. L'integrità di questo legamento è quindi fondamentale per ottenere stabilità nell'articolazione della spalla. Per quanto riguarda la sinovite, è stata riscontrata nel 100% dei casi. La tendinite bicipite, invece, è stata riscontrata nel 37,14% dei casi; la lesione del tendine sottoscapolare nel 42,56% e quella del labbro nel 2,86%.

1. José Manuel Rial Cels. Artroscopia della spalla. Studio retrospettivo di 16 casi clinici di instabilità della spalla. ARGOS 53/2015. Ospedale veterinario Marina Baixa. Spagna.

2. Victor Trilla Muntanyola. Esame artroscopico della spalla nel cane. ARGOS 566/2005. Ospedale veterinario Maresme. Spagna.

3. Jose Manuel Rial Cels. Reperti artroscopici in 35 cani con instabilità della spalla. Poster pubblicatoal SEVC dell'AVEPA nel 2013. Marina Baixa Veterinary Hospital. Spagna.

Clara Castells Urgell

Ortocanis Veterinary

www.ortocanis.com

ortocanis.com