L’artrosi canina è una malattia molto comune nei cani. Appare come risultato dell’inevitabile evoluzione di un’articolazione che invecchia o diventa sempre più fragile a causa di traumi o malformazioni. Questa è una condizione molto dolorosa che deve essere trattata subito. Può colpire tutte le articolazioni del corpo, sia quelle che si trovano nelle estremità anteriore e posteriore, sia quelle che formano la colonna vertebrale. Nel caso dei cani anziani, il più comune è che questo disturbo colpisce più articolazioni contemporaneamente.

protector rodilla para perroLa superficie articolare è coperta da un tessuto chiamato cartilagine, che svolge un ruolo molto simile agli ammortizzatori che si trovano nelle auto. Inoltre, impedisce all’osso sottostante di deteriorarsi a causa del ripetuto sfregamento a cui è sottoposto da un movimento continuo. L’artrosi è caratterizzata da una progressiva distruzione di questa cartilagine e da un’anomala proliferazione ossea ai margini delle superfici articolari note come osteofite, chiamate anche ‘becchi di pappagallo’ quando si trovano nella colonna vertebrale. Le articolazioni colpite perdono elasticità, causano dolore e impediscono all’animale di muoversi normalmente.

Evoluzione del deterioramento
Di norma, questo disturbo colpisce, prima di tutto, le articolazioni alte degli arti: fianchi e ginocchia, spalle e gomiti. I sintomi sono più o meno importanti a seconda del numero di articolazioni colpite. Tuttavia, c’è un segno inequivocabile che ci fa intuire che l’animale è interessato. La zoppia di solito si manifesta quando il cane si alza e si avvia dopo essere rimasto immobile per lungo tempo.

Il dolore spinge l’animale a evitare il supporto sull’arto interessato e, essendo ostacolato, smette di correre e, naturalmente, di saltare. Man mano che si evolve, il dolore aumenta. Quando si effettuano determinati movimenti, il cane emette piccoli gemiti, è anche possibile che l’animale sia irascibile e tenda a presentare aggressività quando cerchiamo di manipolare l’articolazione interessata.

Nei casi più avanzati, l’articolazione può essere parzialmente bloccata, rendendo impossibile eseguire determinati movimenti. A questo punto, l’animale esita a usare l’arto malato. Inoltre, questa mancanza di attività porta ad un significativo deterioramento della muscolatura che circonda l’articolazione. Di conseguenza, l’area malata inizia ad atrofizzarsi, il che complica sempre più il suo uso.

Due tipi fondamentali
Come regola generale distinguiamo due tipi di osteoartrite: primaria e secondaria. Il primo tipo di solito colpisce gli animali anziani e appare a causa del normale invecchiamento sofferto dalle articolazioni a causa del passare del tempo. Si tratta infatti di una progressiva e inevitabile usura delle cartilagini articolari. Di solito, questo tipo di osteoartrite colpisce diversi punti allo stesso tempo.

Per quanto riguarda l’artrosi canina secondaria, appare come conseguenza di un fattore scatenante, che fa sì che l’articolazione interessata smetta di funzionare normalmente. Ad esempio, questo tipo di artrosi può apparire a causa di traumi – una distorsione, una frattura, ecc. – o a causa di una malformazione alla nascita, come la displasia dell’anca.

Un’altra causa molto comune che causa la comparsa di osteoartrite secondaria è l’obesità. Se non controlli la dieta il tuo amico può avere un peso ben al di sopra della media che troviamo nella razza. Le articolazioni non sono fatte per supportare un sovraccarico così significativo di chili, quindi si deteriorano facilmente. A differenza dell’artrosi primaria, l’artrosi secondaria può colpire animali di tutte le età e, come regola generale, di solito colpisce solo un’articolazione.

Emettere una diagnosi
La diagnosi di questa malattia può essere basata su tre fattori: la storia patologica dell’animale, l’esame dell’andatura e la manipolazione. Quando studia la storia, il veterinario deve tenere conto di vecchie fratture articolari, lesioni che l’animale ha subito molto tempo fa, nonché possibili distorsioni. Quando si osserva l’andatura si guarderà se il cane zoppica, anche se solo molto leggermente e incipientemente, poiché la zoppia è un sintomo inequivocabile della malattia. Infine, quando si manipola l’area interessata è molto possibile che l’animale mostri segni di dolore.

Spesso, la regione in cui si trova l’articolazione malata è solitamente deformata a causa di osteofiti e atrofia muscolare causata dall’assenza di attività fisica. Molte volte viene rilevato uno snap caratteristico quando lo spostiamo. Attraverso lo studio radiologico, lo specialista della salute animale sarà in grado di determinare la gravità dell’osteoartrite e stabilire il trattamento più appropriato. Tra i possibili trattamenti spicca la comparsa di
supporti specializzati per alcuni arti
in grado di combattere efficacemente il deterioramento della qualità della vita dell’animale. L’uso di questi supporti è efficace e ha dimostrato in paesi come gli Stati Uniti di essere trattamenti innovativi quanto di successo, tuttavia il loro uso dovrebbe essere consultato con il veterinario o il fisioterapista animale.

Orthocanis Squadra

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


2 + = 8