Tag Archivio per: canino

La displasia dell’anca è un problema molto comune in alcune razze: BullDog, Bordeaux Doge, San Bernardo, Mastino napoletano, Pastore tedesco, Rottweiler, Golden… tutti hanno un’incidenza superiore al 20%.

La displasia è una malattia multifattoriale, multigenica ed ereditaria, cioè ci sono diversi fattori che predispongono e causano la displasia dell’anca, ci sono diversi geni coinvolti nel suo aspetto e ha un carattere ereditario.

I fattori ambientali stanno diventando sempre più importanti nello sviluppo della displasia dell’anca, il fattore genetico è necessario per sviluppare la malattia ma questo non è l’unico fattore. La genetica è un fattore necessario ma non esclusivo, cioè si può avere la predisposizione genetica e non sviluppare la malattia ma se non si ha una predisposizione è sicuro che non si sviluppi.

Ci sono diversi gradi di displasia, e anche quelli che compaiono quando il cane è un cucciolo o quelli che danno problemi già in età adulta; ma in questo articolo ci concentreremo sul trattamento e in particolare sul trattamento della displasia ai cani giovani.

Classificazione dei gradi di displasia secondo l’OFA :

Grado I: alterazione minima con piccola sublussazione e pochi cambiamenti degenerativi.

Grado II: marcata sublussazione laterale della testa del femore, il 25-50% della quale si trova al di fuori dell’acetabolo.

Grado III: il 50-75% della testa del femore è al di fuori dell’acetabolo; ci sono importanti cambiamenti degenerativi.

Grado IV: lussazione della testa del femore con appiattimento del bordo acetabolare e della testa del femore; ci sono importanti cambiamenti degenerativi.

La presentazione nel cane giovane è una radiografia dell’anca del cucciolo normalmente tra i 5 ei 6 mesi ed è segnata da una notevole zoppia.

Un cane non è considerato esente da displasia fino a quando a due anni di età già completati non si osservano problemi o incongruenze nelle radiografie di controllo.

Il cibo è uno dei fattori che predispone alla comparsa di displasia dell’anca, squilibri calcio-fosforo che devono mantenere una correlazione Ca1,6% – P1,1% e soprattutto non sovralimentare o fornire proteine in eccesso ci permette di minimizzare l’incidenza della displasia dell’anca. Una dieta ipocalorica da 3 mesi a 8 mesi protegge i cani con rapida crescita dalla displasia. L’eccesso di peso a 60 giorni è un altro fattore che predispone alla malattia.

La displasia dell’anca nel cucciolo di solito debutta da 5 o 6 mesi, prima che non sia possibile osservare alcun problema e il cane sia stato completamente normale e si sia sviluppato normalmente. Il debutto è solitamente presentato come una zoppia acuta che impedisce al cane di giocare come aveva fatto fino ad oggi. Possiamo osservare cambiamenti nel desiderio di giocare, negativi quando si va a fare una passeggiata, di relazionarsi con altri cani o proprietari. Frequenti sbalzi d’umore, frequenti scivolamenti delle zampe posteriori, disagio e persino rifiuto di essere toccati e il fatto di “fuggire” dai bambini in cani che fino a pochi giorni fa erano giocosi e affettuosi.

A volte quando si raggiunge il 90% della crescita tra 8 e 11 mesi i segni possono essere ridotti e persino scomparire. Comunque la displasia rimane e in molti casi i problemi riappaiono dopo un po ‘e prima o poi compaiono segni di artrosi nei fianchi.

I segni clinici più comuni sono:

Zoppia che può aumentare con l’esercizio fisico

Camminare e fare jogging con l’altalena dell’anca

Rigidità mattutina

Difficoltà ad alzarsi

Atrofia muscolare

Rifiuto di muoversi

Umore

Dolore alla palpazione

Segno di Ortolani.

Sebbene esistano metodi chirurgici: escissione del muscolo pectineo, tripla osteotomia dell’anca, artroplastica della testa del femore, osteotomia del pube, foraggio, protesi d’anca la maggior parte sono praticate quando il cane è giovane per presumibilmente diminuire la possibilità di osteoartrosi coxofemorale secondaria in età adulta. La protesi d’anca deve essere riservata ai casi gravi e una volta terminata la crescita.

Il trattamento medico si basa sugli antinfiammatori, possiamo iniziare con antinfiammatori naturali, come l’inflamex, che non contiene sostanze medicinali, se non otteniamo i risultati attesi passare ad Aine e in casi estremi si ricorre ai corticos. Dobbiamo includere nutraceutici in particolare condroprotettori poiché riducono l’incidenza dell’osteoartrite e proteggono la cartilagine articolare. Questi sono usati nei cani anziani in modo molto generale ma sono molto utili come protettore articolare nei cani in crescita, ci sono portatori di farmaci specifici per cani giovani. Riduzione del peso, esercizio moderato e soprattutto regolare sono altri punti fondamentali, così come i miglioramenti nell’ambiente e il fatto di dormire su un materasso speciale per cani anziani e in un luogo caldo lontano dall’umidità.

La fisioterapia canina può aiutare molto a sviluppare meglio i muscoli per ridurre il dolore, per attirare tensioni ed eliminare le compensazioni che il cane ha fatto con le posture sbagliate e le posizioni antialgiche. Questo sarà basato su TENS, ultrasuoni, esercizi terapeutici, l’uso di idroterapia, laser, onde d’urto …

Il principale miglioramento nell’ambiente è dormire su un buon materasso terapeutico, non essere freddo o esposto a molta umidità, utilizzare in inverno un cappotto termale per cani, poter essere una coperta canina terapeutica che può essere utilizzata tutto l’anno.

Possiamo aiutare il nostro Cane con displasia dell’anca, l’esercizio fisico regolare può essere molto utile per migliorare la massa muscolare che meglio resiste alla scarsa congruenza articolare, evitare impatti, salti o corse incontrollate durante la presentazione dell’immagine sono anche elementi importanti. Fisioterapia e massaggi permettono di avere sempre il cane in un corretto stato muscolare, e tutti i trattamenti coadiuvanti come agopuntura, massaggi, reiki, fiori di bach… possono anche aiutare con il trattamento. L’ultima novità sono i supporti dell’anca che aiutano a stabilizzare il bacino, dare supporto e migliorare notevolmente la qualità della vita dei nostri animali domestici.

Gianluca

Ortocanis.com Squadra

Spondilosi deformante nei cani

DEGENERAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE NEI CANI

La spondilosi deformante è una malattia degenerativa e non infiammatoria della colonna vertebrale, caratterizzata dalla produzione di speroni ossei nella parte inferiore, laterale e superiore delle vertebre della colonna vertebrale. Questi speroni sono semplicemente causati da escrescenze ossee, di solito crescono in risposta all’invecchiamento o alle lesioni.

Nei cani, la spondilosi deformante si verifica più spesso lungo la colonna vertebrale, nella parte posteriore del torace e nelle vertebre superiori della parte bassa della schiena. I cani più anziani e di taglia grande sono a più alto rischio di sviluppare spondilosi deformante.

SINTOMI

* I pazienti sono di solito asintomatici, la crescita ossea può essere sentita toccando il tuo animale domestico prima di percepire i cambiamenti nel suo comportamento sulla scia della crescita

  • La frattura di speroni o ponti può causare dolore
  • Rigidità
  • Circolazione limitata
  • Dolore

CAUSE

Microtrauma ripetuto – pressione ripetuta sulle stesse articolazioni o ossa, attraverso determinati esercizi o attività
Traumi importanti – il corpo risponde quando cerca di far crescere nuovo osso
*Predisposizione agli speroni da pastore

DIAGNOSI

Il veterinario eseguirà un esame fisico completo del tuo cane, incluso un profilo biochimico, un esame emocromocitometrico completo, un’analisi delle urine e un pannello elettrolitico, al fine di escludere o confermare altre malattie, come il cancro. Dovrai fornire una storia completa della salute del tuo cane, compresa la storia di fondo dei sintomi, l’insorgenza dei sintomi e possibili incidenti che potrebbero aver precipitato questa condizione.
Le immagini a raggi X del torace e dell’addome (vista laterale) sono essenziali per la diagnosi di spondilosi deformante. I raggi X rivelano osteofiti (piccole escrescenze ossee) nelle vertebre, o nei casi più avanzati un osteofita può essere trovato come un ponte nello spazio tra le vertebre.

Il medico può scegliere tra diversi altri tipi di test al fine di raggiungere una conclusione definitiva. Una mielografia utilizza l’iniezione di una sostanza radiopaca per ottenere un’immagine interna; Anche la tomografia computerizzata (TC) o la risonanza magnetica (MRI) sono opzioni. Queste procedure possono aiutare il veterinario a trovare uno sperone osseo che potrebbe esercitare pressione sul midollo spinale o sui nervi del cane (portando a reazioni neurologiche).

TRATTAMENTO

faja para el dolor de la espalda de perroDi solito, i pazienti con spondilosi deformante non mostrano sintomi esterni anormali di crescita ossea iniziale. Un esame neurologico dovrebbe essere eseguito per escludere una patologia della colonna vertebrale che richiede un intervento chirurgico. Altrimenti, se la crescita ha raggiunto il punto di danneggiare nervi e tessuti e il tuo animale domestico soffre di dolore intenso, o se il tuo veterinario ha deciso una soluzione chirurgica, il tuo cane sarà ricoverato in ospedale. In circostanze normali, quando il danno al corpo è minimo e il tuo cane sente poco disagio e dolore, la condizione sarà trattata su base ambulatoriale, con rigorosi antidolorifici a riposo e prescrizione per il trattamento domiciliare. I farmaci antidolorifici vengono somministrati dopo i pasti. Per accelerare il recupero e da quattro giorni dopo l’intervento è possibile utilizzare cappotti termici o cinture spinali per cani (consultare il proprio veterinario). L’agopuntura può anche fornire sollievo dal dolore per alcuni animali.

VITA E GESTIONE

A seconda della gravità dei sintomi, il veterinario pianificherà controlli per monitorare i progressi del cane. Somministra antidolorifici solo quando il tuo cane mostra segni di disagio (dopo un pasto) e solo nella quantità esatta prescritta, a meno che il veterinario non ti dica diversamente. L’overdose di droga o droga è una delle cause più comuni di decessi involontari negli animali domestici. Dovrai fornire un luogo sicuro e tranquillo per far riposare il tuo cane, lontano da altri animali domestici e bambini attivi. Durante questo periodo, limitati a fare passeggiate lente per il quartiere. Quando il tuo cane non mostra segni di disagio per diverse settimane può lentamente tornare alla normale attività.

Fonte: Venfido
www.ortocanis.com

Cos’è il sistema propriocettivo?

È il sistema attraverso il quale il cervello riceve informazioni sulla posizione e il movimento delle parti del corpo tra loro e in relazione alla loro base di supporto. Questo è prodotto attraverso una serie di recettori distribuiti in tutto il corpo. La sensibilità propriocettiva è straordinariamente importante nella vita relazionale del cane.

All’interno della visita fisioterapica (muscolo-scheletrica o neurologica), il sistema propriocettivo sarà sempre valutato per avere un riferimento e delle linee guida con cui stabilire il piano di trattamento. A volte le stesse tecniche che ci aiutano a valorizzare l’animale, ci servono in seguito per riabilitarlo.

Reazioni posturali

  1. Reazione posizionale o propriocezione cosciente
    1. Metti la faccia dorsale dell’arto a contatto con il terreno. L’animale dovrebbe immediatamente rettificare alla posizione normale.
    2. Metti l’arto dell’animale in abduzione o adduzione. In questo caso dovresti anche rettificare istantaneamente verso la posizione di partenza.
    3. Metti un foglio di carta in modo che il cane sostenga i cuscinetti. Spostare la foglia lateralmente negli arti toracici e caudolateralmente per gli arti pelvici. Quando si percepisce lo stimolo del movimento, è necessario riposizionare correttamente l’arto.
  2. Emitazione
    1. Dovresti prendere gli arti di un emicorpo e spostare l’animale sul lato opposto per vedere se è in grado di sopportare l’equilibrio.
    2. Nel caso di lesioni muscoloscheletriche è anche possibile valutare l’arto interessato prendendo solo l’arto opposto o uno dei precedenti e valutare la reazione di equilibrio presentata dall’animale (uniestación)
  3. Hemimarcha
    1. È esattamente lo stesso esercizio dell’emistazione solo che l’animale dovrà muoversi sui due arti.
  4. Prova di salto
    1. Tenendo l’animale e impedendogli di sostenere tre dei suoi quattro arti, spostalo lateralmente. Dovrai fare piccoli salti.
  5. Test del camion
    1. Fatelo muovere con gli arti toracici che lo tengono attraverso la zona pelvica. Fallo con la testa dell’animale in posizione alta per evitare che guardi dove mettere le mani.
  6. Test di reazione all’impulso posturale estensore
    1. Prendi l’animale per le ascelle in posizione eretta e scendi lentamente. Quando i suoi arti posteriori toccano il suolo, li estenderà caudalmente in un movimento di marcia, anticipando lo spostamento.
  7. Reazione visiva e tattile
    1. Tenendo in braccio l’animale, si avvicina al bordo di un tavolo fino a quando non lo tocca. Dovresti posizionare l’arto sul tavolo all’istante. Valuteremo la sensibilità visiva e propriocettiva. Dovrebbe essere ripetuto coprendo gli occhi, quindi apprezzeremo la sensibilità tattile e propriocettiva.

Equilibrio nella stagione e nelle dinamiche

L’equilibrio dell’animale può essere valutato provocando alcune delle reazioni posturali sopra menzionate o creando destabilizzazioni dell’animale in statica e durante la deambulazione.

Durante la camminata puoi toccare piccoli di lato per vedere come reagisce. Se l’animale ha il suo giusto equilibrio, continuerà a camminare in linea retta senza modificare il suo stato o il suo ritmo.

Coordinazione

La coordinazione può essere valutata attraverso cerchi, otto, salite, discese, cambi di velocità, terreni diversi con piccole difficoltà intermedie.

 

Scrittura Ortocanis

[email protected]

La capacità di un cane di muoversi e svolgere le sue attività quotidiane dipende dalla capacità del cervello, della colonna vertebrale, dei nervi e dei muscoli di coordinarsi insieme.

Questo complesso sistema di comunicazione scambia informazioni quando i nervi del cervello inviano messaggi al corpo sull’ambiente esterno e il corpo invia messaggi al cervello su ciò che sta vivendo nell’ambiente. Questi messaggi vengono trasmessi attraverso i nervi del midollo spinale, che sono incorporati nella colonna vertebrale o nella colonna vertebrale. Insieme, i nervi del cervello e del midollo spinale costituiscono il sistema nervoso centrale. Il trauma a qualsiasi parte delle vie nervose può portare a una scarsa comunicazione o a una totale mancanza di comunicazione tra il cervello e il corpo, portando all’incapacità di coordinare i movimenti del corpo.

Silla de ruedas para perro

La colonna vertebrale è costituita da un insieme di 24 ossa chiamate vertebre, che sono separate l’una dall’altra da piccoli cuscini chiamati dischi intervertebrali. Insieme, le vertebre e i dischi intervertebrali proteggono la colonna vertebrale dai danni. Il trauma alle vertebre o ai dischi può creare vulnerabilità nei nervi del midollo spinale, portando a nuovi disturbi alla via neurale.

Quando un cane sperimenta la paralisi, è spesso perché la comunicazione tra il midollo spinale e il cervello è stata interrotta. In alcuni casi, il cane non è in grado di muovere le gambe, uno stato di paralisi totale, e in altri casi, potrebbe esserci ancora una certa comunicazione tra il cervello e la colonna vertebrale, e il cane apparirà solo debole o avrà difficoltà a muovere le gambe, una condizione nota come: paralisi parziale. Ci sono anche casi in cui un cane può essere paralizzato su tutte e quattro le zampe (quadriplegia), e in altri, il cane può essere in grado di controllare il movimento in alcune delle sue gambe, ma non tutte. Questo è determinato dalla posizione del trauma, che si verifica nel cervello, nella colonna vertebrale, nei nervi o nei muscoli.

Alcune razze sono più inclini di altre. I cani che sono vicini al terreno con schiena allungata, come bassotti e bassetti, sono comunemente colpiti dalla rottura dei dischi vertebrali esercitando pressione sul midollo spinale, una condizione nota come malattia del disco intervertebrale. Alcune razze sono geneticamente predisposte a una condizione chiamata mielopatia degenerativa (MD), una malattia che attacca i nervi sulla schiena dei cani più anziani (più di sette anni). È un’azione lenta, un disturbo progressivo che alla fine porta alla paralisi delle zampe posteriori. Le razze colpite da questa malattia sono il corgi gallese, il pugile, il pastore tedesco, il retriever di Chesapeake Bay e il setter irlandese.

Sintomi:

  • Non in grado di muovere tutte e quattro le gambe (quadriplegia)
  • Non in grado di muovere le zampe posteriori (paraplegia)
  • Cammina con le zampe anteriori mentre trascina le zampe posteriori
  • Ci può essere dolore al collo, alla colonna vertebrale o alle gambe
  • Non riesco a urinare
  • Non in grado di controllare la minzione, gocciolamento di urina
  • Non in grado di controllare la defecazione
  • Costipazione

Cause:

  • Mielopatia degenerativa canina (MD) – correlata al gene del pastore tedesco, pugile, corgi gallese, retriever di Chesapeake Bay, età 7-14 anni; La causa è sconosciuta
  • Slittamento dei dischi nella parte posteriore – malattia del disco intervertebrale
  • Spondilodiscite – infezione batterica o virale nelle ossa della colonna vertebrale (vertebre)
  • Infezione o infiammazione della colonna vertebrale
  • Cimurro
  • Meningomielite – infezione virale o batterica del cervello, che porta a una scarsa comunicazione degli impulsi nervosi
  • Polimiosite – infezione o infiammazione nei muscoli
  • Polineurite – infiammazione dei nervi
  • Embolia – ostruzione del flusso sanguigno alla colonna vertebrale
  • Embolia aortica – ostruzione del flusso sanguigno alle gambe posteriori
  • Tumori o cancro nella colonna vertebrale o nel cervello
  • Paralisi delle zecche a causa di punture di zecca
  • Febbre delle Montagne Rocciose
  • Botulismo – tossine batteriche
  • Miastenia Gravis – grave debolezza muscolare
  • Embolia fibrocartilaginea il fluido all’interno di un disco ferito entra nel sistema arterioso e si deposita nel midollo spinale, creando un’embolia permanente, o blocco, è irreversibile, ma non progressiva.
  • Ipotiroidismo – Basso livello di tiroide
  • Lesione spinale
  • Malformazione della colonna vertebrale o delle vertebre

Diagnosi:

Dovrai fornire una storia completa della salute del tuo cane, l’insorgenza dei sintomi e le possibili incidenze che potrebbero aver portato a questa condizione, come punture di zecche o lesioni recenti da salto o caduta. Durante l’esame fisico, il veterinario presterà molta attenzione a quanto bene il tuo cane è in grado di muovere le gambe e quanto bene è in grado di rispondere ai test riflessi. Il veterinario testerà anche la capacità del tuo cane di sentire dolore su tutte e quattro le gambe, il controllo della testa, della colonna vertebrale e delle gambe per segni di dolore e prontezza al tatto.Perro atropellado y rescatado por perrera de barcelona

Tutte queste cose aiuteranno il tuo veterinario a localizzare il punto nella colonna vertebrale del tuo cane, dove i nervi o i muscoli hanno problemi. I test di laboratorio di base includono un esame emocromocitometrico completo, un profilo biochimico e un’analisi delle urine, che può determinare se il tuo cane ha un’infezione batterica, un virus o una reazione di tossina, che interferisce con le vie nervose. Le immagini a raggi X della colonna vertebrale possono mostrare prove di un’infezione, una malformazione delle vertebre o un’ernia del disco che preme contro il midollo spinale. Altre condizioni che possono portare all’interruzione delle vie nervose possono essere evidenti su una radiografia, come tumori, ostruzioni o nervi infiammati.

In alcuni casi, il veterinario può ordinare una radiografia speciale chiamata mielogramma. Questo processo utilizza un’iniezione con un mezzo di contrasto (colorante) nella colonna vertebrale, seguita da immagini a raggi X che consentiranno al medico di vedere il midollo spinale e le vertebre in modo più dettagliato. Se queste tecniche di imaging non sono utili, il veterinario può ordinare una tomografia computerizzata (TC) o una risonanza magnetica (MRI) del cervello e della colonna vertebrale del cane, entrambi i quali forniscono un quadro molto dettagliato. In alcuni casi, il veterinario può prelevare un campione del fluido intorno alla colonna vertebrale, per l’analisi, o campione dei muscoli o delle fibre nervose per una biopsia. Questi test possono determinare la presenza di un’infezione nel cervello o nella colonna vertebrale.

Trattamento:

Il corso del trattamento dipenderà dalla causa della paralisi. Se il tuo cane non è in grado di camminare, urinare o defecare da solo, molto probabilmente sarà ricoverato in ospedale mentre il suo veterinario lavorerà per fornire una diagnosi. Da lì il tuo veterinario monitorerà il recupero e i progressi del tuo cane. Se il tuo cane soffre, gli verranno somministrati farmaci per aiutare a controllare il dolore, la vescica viene svuotata più volte al giorno dal catetere e il tuo cane verrà fisicamente spostato per assicurarsi che non abbia ulcere dal rimanere in un posto per troppo tempo. Ci sono diversi prodotti che ti aiuteranno a trascorrere del tempo fermo senza essere danneggiato, come i materassi. Se la causa della paralisi è un’infezione o un’ernia del disco, la condizione sarà trattata con farmaci, interventi chirurgici o terapia. I farmaci antinfiammatori che possono essere naturali e specifici come l’imflamex saranno usati per ridurre l’infiammazione dei nervi. Tumori o blocchi del flusso sanguigno possono essere riparati chirurgicamente, a seconda della vulnerabilità della posizione. Alcuni cani paralizzati si riprendono molto rapidamente. A seconda della gravità della malattia, il tuo cane può rimanere in ospedale fino a quando non è in grado di camminare, oppure il tuo veterinario deciderà di mandare il tuo cane a casa con una guida per fornire assistenza e recupero a casa. Il veterinario stabilirà un piano per rivedere i progressi del trattamento del tuo cane e regolarlo di conseguenza.

vita e molto!

perro-rodilla-en-la-calleIl tuo veterinario ti aiuterà a fare un piano per la cura del tuo cane a casa. Occasionalmente, il cane può resistere alle cure a causa del dolore, ma la cura assertiva e delicata aiuterà a ridurre le reazioni di paura.

È importante che ti prendi cura del tuo cane correttamente in modo che possa riprendersi completamente. Seguire attentamente tutte le istruzioni del veterinario. Se il veterinario ha prescritto farmaci, assicurati di somministrare tutti i trattamenti, anche dopo che il tuo cane sembra essersi completamente ripreso. Nella maggior parte dei casi, una sedia a rotelle canina può essere di grande aiuto, sia per il processo di riabilitazione che come semplice mezzo per trasportare la parte immobile dell’animale. La maggior parte dei cani su sedia a rotelle si adatta molto bene e continua a godersi la vita.

Ortocanide

Ayudas para perros con artrosis

fonte:VenFido

Trattamento dell’igroma del gomito

L’igroma del gomito è una malattia che colpisce principalmente i grandi cani a pelo corto, come i big danesi, i levrieri e i dalmati. Nei cani con igroma del gomito, una sacca piena di liquido appare su uno o entrambi i gomiti dei cani. In casi più rari, gli igromi possono svilupparsi nel garretto. In molti casi, gli igromi del gomito non causano dolore o difficoltà. Tuttavia, possono essere infettati, il che può essere doloroso per il cane e richiede un trattamento. Altri animali suscettibili allo sviluppo di igromi sono cani che non sono molto attivi o si stanno riprendendo da malattie o lesioni.

Cause
Gli igromi si sviluppano a causa di traumi ricorrenti al gomito o al gomito di un cane. Ad esempio, appoggiarsi costantemente su legno, cemento o altre superfici dure può causare stress sull’articolazione e causare igroma. Questa condizione colpisce principalmente i cani di grossa taglia, in quanto vi è un peso maggiore sulle articolazioni del gomito quando sono sdraiati.Hygroma codo

Fasciatura
In alcuni casi, fasciare i gomiti di un cane può aiutare a prevenire il peggioramento degli igromi. Le bende impediranno il contatto con superfici dure e a loro volta eviteranno problemi causati dall’igroma. Inoltre, alcuni prodotti come la protezione del gomito canino o la protezione del ginocchio del cane impediranno all’igroma di avere un ulteriore contatto con il terreno duro. Chiedi al tuo veterinario come puoi aiutare il tuo cane.

Drenaggio
Alcuni veterinari raccomandano che il liquido igromatico venga drenato con un ago o una siringa. Estrarre il fluido non è considerato un trattamento efficace perché l’ago può causare un’infezione. Inoltre, il drenaggio può solo migliorare temporaneamente la condizione. Se il cane continua a giacere su superfici dure, l’igroma diventerà più grande, cioè il drenaggio dovrà essere fatto su base regolare.

Chirurgia
Alcuni veterinari possono raccomandare un intervento chirurgico per trattare l’igroma del gomito, specialmente nei casi in cui vi è un’infezione o quando l’igroma ha ulcerato. In chirurgia, la pelle deve essere drenata e rimossa. Poiché gli igromi possono crescere abbastanza grandi, potrebbe essere necessario fare innesti cutanei per coprire l’area interessata. La guarigione dall’intervento chirurgico richiede circa un mese e il cane dovrà indossare una stecca durante il recupero per proteggere l’area interessata.

Prevenzione
Il modo migliore per evitare che il tuo cane sviluppi un igroma al gomito, o per evitare che uno esistente peggiori, è quello di fornire al cane una superficie morbida per farlo riposare e dormire. Se non c’è un’area con moquette disponibile, rendi il cane un letto morbido e lascialo dove gli piace sdraiarsi. Nel caso in cui il cane sia inattivo perché si sta riprendendo da una malattia o da un infortunio, fallo alzare e muoversi (almeno abbastanza da cambiare la posizione in cui è sdraiato) più volte al giorno.

Scritto da Anna Aronson

fonte: eHow

L’artrosi canina è una malattia molto comune nei cani. Appare come risultato dell’inevitabile evoluzione di un’articolazione che invecchia o diventa sempre più fragile a causa di traumi o malformazioni. Questa è una condizione molto dolorosa che deve essere trattata subito. Può colpire tutte le articolazioni del corpo, sia quelle che si trovano nelle estremità anteriore e posteriore, sia quelle che formano la colonna vertebrale. Nel caso dei cani anziani, il più comune è che questo disturbo colpisce più articolazioni contemporaneamente.

protector rodilla para perroLa superficie articolare è coperta da un tessuto chiamato cartilagine, che svolge un ruolo molto simile agli ammortizzatori che si trovano nelle auto. Inoltre, impedisce all’osso sottostante di deteriorarsi a causa del ripetuto sfregamento a cui è sottoposto da un movimento continuo. L’artrosi è caratterizzata da una progressiva distruzione di questa cartilagine e da un’anomala proliferazione ossea ai margini delle superfici articolari note come osteofite, chiamate anche ‘becchi di pappagallo’ quando si trovano nella colonna vertebrale. Le articolazioni colpite perdono elasticità, causano dolore e impediscono all’animale di muoversi normalmente.

Evoluzione del deterioramento
Di norma, questo disturbo colpisce, prima di tutto, le articolazioni alte degli arti: fianchi e ginocchia, spalle e gomiti. I sintomi sono più o meno importanti a seconda del numero di articolazioni colpite. Tuttavia, c’è un segno inequivocabile che ci fa intuire che l’animale è interessato. La zoppia di solito si manifesta quando il cane si alza e si avvia dopo essere rimasto immobile per lungo tempo.

Il dolore spinge l’animale a evitare il supporto sull’arto interessato e, essendo ostacolato, smette di correre e, naturalmente, di saltare. Man mano che si evolve, il dolore aumenta. Quando si effettuano determinati movimenti, il cane emette piccoli gemiti, è anche possibile che l’animale sia irascibile e tenda a presentare aggressività quando cerchiamo di manipolare l’articolazione interessata.

Nei casi più avanzati, l’articolazione può essere parzialmente bloccata, rendendo impossibile eseguire determinati movimenti. A questo punto, l’animale esita a usare l’arto malato. Inoltre, questa mancanza di attività porta ad un significativo deterioramento della muscolatura che circonda l’articolazione. Di conseguenza, l’area malata inizia ad atrofizzarsi, il che complica sempre più il suo uso.

Due tipi fondamentali
Come regola generale distinguiamo due tipi di osteoartrite: primaria e secondaria. Il primo tipo di solito colpisce gli animali anziani e appare a causa del normale invecchiamento sofferto dalle articolazioni a causa del passare del tempo. Si tratta infatti di una progressiva e inevitabile usura delle cartilagini articolari. Di solito, questo tipo di osteoartrite colpisce diversi punti allo stesso tempo.

Per quanto riguarda l’artrosi canina secondaria, appare come conseguenza di un fattore scatenante, che fa sì che l’articolazione interessata smetta di funzionare normalmente. Ad esempio, questo tipo di artrosi può apparire a causa di traumi – una distorsione, una frattura, ecc. – o a causa di una malformazione alla nascita, come la displasia dell’anca.

Un’altra causa molto comune che causa la comparsa di osteoartrite secondaria è l’obesità. Se non controlli la dieta il tuo amico può avere un peso ben al di sopra della media che troviamo nella razza. Le articolazioni non sono fatte per supportare un sovraccarico così significativo di chili, quindi si deteriorano facilmente. A differenza dell’artrosi primaria, l’artrosi secondaria può colpire animali di tutte le età e, come regola generale, di solito colpisce solo un’articolazione.

Emettere una diagnosi
La diagnosi di questa malattia può essere basata su tre fattori: la storia patologica dell’animale, l’esame dell’andatura e la manipolazione. Quando studia la storia, il veterinario deve tenere conto di vecchie fratture articolari, lesioni che l’animale ha subito molto tempo fa, nonché possibili distorsioni. Quando si osserva l’andatura si guarderà se il cane zoppica, anche se solo molto leggermente e incipientemente, poiché la zoppia è un sintomo inequivocabile della malattia. Infine, quando si manipola l’area interessata è molto possibile che l’animale mostri segni di dolore.

Spesso, la regione in cui si trova l’articolazione malata è solitamente deformata a causa di osteofiti e atrofia muscolare causata dall’assenza di attività fisica. Molte volte viene rilevato uno snap caratteristico quando lo spostiamo. Attraverso lo studio radiologico, lo specialista della salute animale sarà in grado di determinare la gravità dell’osteoartrite e stabilire il trattamento più appropriato. Tra i possibili trattamenti spicca la comparsa di
supporti specializzati per alcuni arti
in grado di combattere efficacemente il deterioramento della qualità della vita dell’animale. L’uso di questi supporti è efficace e ha dimostrato in paesi come gli Stati Uniti di essere trattamenti innovativi quanto di successo, tuttavia il loro uso dovrebbe essere consultato con il veterinario o il fisioterapista animale.

Orthocanis Squadra

Gli scienziati britannici sono riusciti a invertire la paralisi nei cani iniettando loro cellule estratte dal rivestimento del proprio naso.

Tutti gli animali nello studio avevano subito lesioni del midollo spinale che impedivano loro di usare le zampe posteriori.

I ricercatori dell’Università di Cambridge, in Inghilterra, sono cautamente ottimisti sul fatto che la tecnica possa eventualmente svolgere un ruolo nel trattamento dei pazienti umani.

Lo studio, finanziato dal Medical Research Council (MRC) e pubblicato sulla rivista di neurologia Brain, è il primo a testare il trapianto in ferite “reali” e non in animali da laboratorio.

Gli scienziati stranieri del rivestimento del naso degli animali sono chiamati cellule di glia avvolgenti olfattive (OEC).

CELLULE GLIA AVVOLGENTI OLFATTIVE

L’unica parte del corpo in cui le fibre nervose continuano a crescere negli adulti è nel sistema olfattivo.

Le cellule avvolgenti della glia olfattiva (OEC) si trovano nella parte posteriore della cavità nasale e circondano i neuroni recettoriali che ci permettono di annusare e convertire quei segnali nel cervello.

Le cellule nervose devono essere costantemente sostituite e questo è promosso dagli OC.

Per decenni, gli scienziati hanno valutato che gli OEC potrebbero essere utili nella riparazione del midollo spinale. Gli studi iniziali con l’OEC sull’uomo suggeriscono che la procedura è sicura.

Questi sono stati coltivati e riprodotti per diverse settimane in laboratorio.

Dei 34 cani da compagnia che hanno partecipato allo studio proof-of-concept, 23 hanno ricevuto trapianti di queste cellule nel sito della lesione e il resto ha ricevuto un’iniezione con un fluido neutro.

Molti dei cani che avevano ricevuto il trapianto hanno mostrato un notevole miglioramento e sono stati in grado di camminare su una macchina per esercizi con il supporto di un’imbracatura.

Nessuno degli animali del gruppo di controllo è riuscito a riutilizzare le zampe posteriori.

Cautela e ottimismo

La ricerca è stata una collaborazione tra il Centro per la medicina rigenerativa dell’MRC e la Scuola di veterinaria dell’Università di Cambridge.

Il professor Robin Franklin, biologo rigenerativo presso l’ISTITUTO di cellule staminali presso l’MRC e il Wellcome Trust e uno degli autori del rapporto, ha dichiarato: “I nostri risultati sono estremamente eccitanti perché mostrano per la prima volta che il trapianto di questi tipi di cellule in un midollo spinale gravemente danneggiato può portare miglioramenti significativi”.

“Siamo fiduciosi che questa tecnica possa ripristinare almeno una piccola quantità di movimento nei pazienti umani con lesioni del midollo spinale, ma questo è ben lontano dal fatto che potrebbero recuperare tutte le loro funzioni perse”.

Il professor Franklin afferma che la procedura potrebbe essere utilizzata in combinazione con trattamenti farmacologici per promuovere la rigenerazione delle fibre nervose e la bioingegneria per sostituire le reti neurali danneggiate.

Nariz
Gli animali hanno ricevuto un trapianto di cellule olfattive.

I ricercatori sostengono che le cellule trapiantate hanno rigenerato le fibre nervose in tutta la regione danneggiata del midollo spinale.

Ciò ha permesso ai cani di riacquistare l’uso delle zampe posteriori e coordinare i movimenti sulle zampe anteriori.

Ma non sono state sviluppate nuove connessioni nervose a lunga distanza come quelle necessarie per collegare il cervello al midollo spinale.

Secondo gli scienziati MRC negli esseri umani questo sarebbe vitale per un paziente con lesioni del midollo spinale che ha perso la funzione sessuale e intestinale e il controllo della vescica.

Il professor Goeffrey Raisman, presidente della rigenerazione neurale presso l’Università di Londra, che ha scoperto le cellule della glia avvolgenti olfattive nel 1985, afferma: “Questa non è una cura per le lesioni del midollo spinale negli esseri umani, che potrebbero essere ancora molto lontane”.

“Questa non è una cura per le lesioni del midollo spinale negli esseri umani, che potrebbero essere ancora molto lontane. Ma questo è lo sviluppo più incoraggiante degli ultimi anni ed è un passo significativo sulla strada per raggiungerlo”.

Prof. Goeffrey Raisman

 

“Ma questo è lo sviluppo più incoraggiante in diversi anni ed è un passo significativo sulla strada per raggiungerlo”.

“Questa procedura ha permesso a un cane ferito di camminare con le zampe posteriori, ma la gamma di funzioni molto più elevate che si perdono con una lesione spinale, come quelle della mano, della funzione della vescica, della regolazione della temperatura, per esempio, sono più complicate e ancora molto distanti”.

Jasper, un bassotto di 10 anni, è uno degli animali che hanno preso parte al processo.

Il proprietario May Hay mi ha detto che “prima del trattamento abbiamo dovuto trasportare Jasper in una macchina perché le sue zampe posteriori erano inutili. Ora cammina per tutta la casa e il giardino e può tenere il passo con altri cani. È meraviglioso.”

Fonte: BBC

La displasia del gomito è una malattia degenerativa molto comune nei cani giovani. Il gomito dei cani è una delle articolazioni più congruenti e stabili del corpo, consentendo, a causa della sua complessità, due assi o gradi di movimento supinazione-pronazione dell’avambraccio e flessione-estensione. La sua complessità è data dalla sua composizione: articolazione omeroradiale, humeroulnar e, radioulnar prossimale.

La displasia del gomito è stata inizialmente utilizzata per descrivere la non unione del processo anconeale (AUP). Attualmente, l’osteocondrite dissecante (OCD) del condilo mediale dell’omero, il frammento del processo coronoideo (FPC) e, l’incongruenza del gomito (INC) sono anche inclusi in questo termine. Quando uno di questi difetti di ossificazione si verifica in un gomito, ha origine l’infiammazione e nel tempo si innesca un’osteoartrite in cui si verifica la degenerazione della cartilagine; per questo motivo, tutte queste condizioni sono comunemente associate all’osteoartrosi di questa articolazione e sono un’importante causa di dolore e claudicatio degli arti anteriori in cani di taglia grande e gigante come il pastore tedesco, Labrador, San Bernardo, Rottweiler, mastino napoletano, tra gli altri.

di origine genetica multifattoriale, soprattutto in OCD e FPC. Colpisce i maschi più delle femmine e può verificarsi uni- o bilateralmente. La componente genetica è quella che ha la maggiore influenza anche se, l’aspetto di questa patologia può verificarsi anche a causa di cibo, peso, ambiente, qualità dei legamenti, molto esercizio fisico o traumi.

I primi sintomi possono verificarsi a 4-5 mesi quando il cane mostra intolleranza all’esercizio, zoppia quando inizia un movimento o dopo un esercizio prolungato. Ci sono cani che non mostrano segni di affetto nel gomito fino all’età avanzata in cui il processo di osteoartrite è molto evoluto. Altri riescono a mantenere un normale grado di attività per tutta la vita.

Il fatto di fare una diagnosi radiologica prematura consente di stabilire un trattamento adeguato ed evita la formazione di artrosi che produce dolore e limitazione funzionale del gomito per tutta la vita dell’animale. La diagnosi può essere integrata con test diagnostici come TC o risonanza magnetica

L’evoluzione dipende dal grado e dal tipo di lesione, ma di solito è sfavorevole senza chirurgia. Il trattamento chirurgico è buono se non si sono ancora verificati cambiamenti degenerativi nell’articolazione. In ogni caso è necessario eseguire una buona riabilitazione al fine di:

  • Accelera il processo di recupero
  • Elimina il dolore e l’infiammazione
  • Diminuire la zoppia
  • Mantenere e/o migliorare la gamma di movimento
  • Mantenere il tono muscolare, la massa e la forza
  • Minimizzare o rallentare gli effetti della degenerazione articolare – osteoartrite
  • Evitare la compensazione a livello del collo, della colonna vertebrale e delle estremità
  • Dare le massime capacità in modo che l’animale sia funzionale e che, con una buona qualità della vita

Il trattamento fisioterapico varia a seconda dell’animale e dello stato della lesione. È importante iniziare il prima possibile con il trattamento in modo che sia efficace e, per evitare di asciugarli come mobilità ridotta e / o dolore cronico.

L’animale attraversa diverse fasi fino al suo pieno recupero. È essenziale raggiungere gradualmente gli obiettivi prefissati. Il processo di recupero termina quando l’animale è in grado di svolgere attività quotidiane.

Durante i primi tre giorni dopo l’intervento, è importante agire sull’infiammazione e sul dolore e prevenire l’atrofia muscolare e la diminuzione dell’arco articolare. Per questo, vengono utilizzate tecniche passive che riducono l’infiammazione, producono analgesia e aiutano a mantenere il tono, la massa e l’arco di mobilità. Tra queste tecniche ci sono l’elettroterapia (TENS segmentale ed elettrostimolazione muscolare), il massaggio, le mobilitazioni passive e la crioterapia (freddo).

Nei cani anziani o nei cani che non sono stati intervenuti, gli obiettivi saranno gli stessi degli animali che hanno subito un intervento. È importante eliminare il dolore perché, con il dolore non puoi lavorare.

È importante fin dall’inizio massaggiare e muovere il gomito interessato purché non vi siano controindicazioni veterinarie e, rispettando in caso di fissazione, il periodo di guarigione e unione delle parti fisse. Massaggiare e spostare l’area interessata e l’arto aiuta a mantenere la mobilità, previene la perdita di massa e tono e lavora i propriocettori.

 

Una mobilizzazione delicata combinata con diverse tecniche di massaggio aiuta a ridurre l’infiammazione e ridurre il dolore.

Con la TENS a livello segmentale possiamo produrre analgesia e diminuire la quantità di farmaci somministrati. Ci sono animali che hanno intolleranza a determinati farmaci che producono analgesia e con TENS il dolore può essere ridotto. TenS può anche essere utilizzato direttamente sull’area lesa o operata, purché non ci sia materiale di osteosintesi sottostante, poiché potrebbe verificarsi un’ustione interna.

L’elettrostimolazione muscolare aiuta a prevenire l’insorgenza di atrofia e mantenere la massa muscolare e il tono. Con gli stimoli elettrici possiamo stimolare la conduzione nervosa.

All’inizio e alla fine della sessione viene utilizzato il freddo poiché ha proprietà che agiscono sulla diminuzione della risposta infiammatoria, dell’edema e del dolore.

Dal quarto giorno e durante le prossime due settimane in cui l’infiammazione e il dolore sono scomparsi è il momento di introdurre semplici esercizi attivi come stringere la mano o piccole passeggiate al guinzaglio per costringere l’animale a fare un supporto uguale con i quattro arti e, quindi, impedire che appaia uno scompenso tra gli arti a causa del non avere un supporto corretto a terra. Le passeggiate sono un esercizio che aumenta la durata fino al completo recupero.

Una volta rimossi i punti, l’animale può essere introdotto nell’acqua. I vantaggi dell’acqua sono utilizzati per migliorare il recupero. L’idroterapia (tapis roulant subacqueo) facilita la postazione dell’animale senza perdita di equilibrio e, grazie alla flottazione, senza dover sostenere tutto il suo peso. Inoltre, la flottazione consente agli animali con dolore osseo e bassa massa muscolare di lavorare. La pressione dell’acqua esercitata sul corpo dell’animale aumenta la sensibilità e diminuisce le infiammazioni e gli edemi. Il lavoro in acqua, nastri subacquei o nuoto aumenta man mano che l’animale si riprende. Inoltre, con l’acqua, possiamo recuperare il modello motorio, aumentare la massa, il tono e la forza, lavorare sulla capacità respiratoria e mantenere e / o migliorare la mobilità.

Una volta che la fase acuta è passata 48-72 ore e senza rischio di infezione o infiammazione, può essere introdotto
calore
che aiuta a elastificare i tessuti, diminuisce il dolore e aumenta la vascolarizzazione tra gli altri.

L’uso di
tavole
,
piastre
,
palle
e trampolini sono importanti per lavorare sull’equilibrio, sulla propriocezione e soprattutto sull’integrazione dell’arto interessato.

È già nell’ultima fase, da due settimane, quando il cane ha integrato il modello di andatura, vengono eseguiti esercizi per migliorare la qualità del movimento. Sono esercizi attivi più complessi per integrare l’arto o gli arti interessati. Con esercizi attivi e propriocetivi è possibile aumentare il tono muscolare, la massa e la forza; coordinazione, equilibrio e gamma di movimento sono lavorati. Vengono utilizzate rotaie con diverse superfici,
coni
,
barre
,
circuiti
, su e giù per scale e rampe (
scala con piano inclinato
).

Durante tutto il trattamento di recupero e negli animali con osteoartrite sviluppata è essenziale ridurre il peso sulle articolazioni dei gomiti. A tale scopo
vengono utilizzate speciali imbracature di supporto per i gomiti
. Oltre a diminuire il peso, il dolore è ridotto e non ostacola il movimento, l’animale si sente più a suo agio; l’articolazione è protetta in ogni momento da sfregamenti e colpi e aiuta a mantenere il calore che l’animale emette, il che porta ad un sollievo della zona interessata.

A casa, è necessario prestare particolare attenzione agli animali che soffrono di condizioni al gomito. Questa cura è necessaria durante e dopo il trattamento:

  • Evitare pavimenti scivolosi
  • Evitare rampe e scale all’inizio del trattamento negli animali operati e negli animali che fanno un trattamento conservativo. Una volta riabilitato, le rampe possono essere utilizzate
    per aiutare a salire sul divano e sull’auto
    , poiché si raccomanda di non farlo da soli, potrebbe esserci una recidiva.
  • Si raccomanda che riposino su superfici morbide e pulite, ma che siano abbastanza saldi da aiutare l’incorporazione del
    materasso termico animale per cani
  • Mantenere la pelle pulita e asciutta
  • Usa
    piastre speciali
    alla tua altezza in modo da non affaticare le articolazioni del gomito
  • Corretta dieta e controllo del peso. Essere in sovrappeso danneggia le articolazioni e genera più dolore per l’animale

È molto importante creare una routine di esercizi e un ambiente per aiutare a mantenere l’animale a proprio agio e con qualità della vita.

Orthocanis Squadra

1. Cos’è la displasia dell’anca?

È una delle malattie più frequenti nei cani, in particolare nelle razze di grandi dimensioni.

2. Qual è la malattia?

In una discrepanza tra la testa del femore e l’acetabolo, cioè una cattiva marcia dell’articolazione dell’anca. La testa del femore è parzialmente al di fuori dell’acetabolo e l’anca non può funzionare correttamente.

3. Influisce su alcune razze più di altre?

Sì, la displasia dell’anca praticamente non esiste nei levrieri e tuttavia è molto comune a San Bernardo e Mastines. È anche abbastanza comune nel pastore tedesco, nel Golden Retriever e nel Rottweiler tra le altre razze.

4. Come conoscere la gravità della displasia?

Ci sono diversi gradi di displasia, ma ci sono anche diversi modi per misurarlo, il più comune è una radiografia che dovrebbe essere fatta sui cani vicino all’anno di vita. Questa radiografia deve essere eseguita in una posizione molto specifica e con i muscoli rilassati, quindi di solito è necessario anestetizzare il cane.

5. Quali sono i sintomi?

Normalmente zoppia nei cani dai 5 ai 10 mesi ma può rimanere senza problemi durante la giovinezza e l’età adulta e debuttare con grossi problemi nel periodo geriatrico. Il movimento ai lati dei fianchi può anche essere indicativo di displasia dell’anca.

6. Ha qualcosa a che fare con l’osteoartrite?

Sono due problemi diversi, ma la displasia dell’anca, la mancata corrispondenza dell’articolazione, può causare nel tempo che questa articolazione degeneri e finisca per soffrire di artrosi nell’anca. L’osteoartrite è ciò che fa male, specialmente in età avanzata. La displasia può essere più responsabile dello sviluppo dell’osteoartrite del cane.

7. C’è un trattamento?

Ci sono diversi trattamenti, vari interventi chirurgici prima dell’anno di vita e altri metodi come la protesi d’anca quando il cane è più vecchio e ha finito di crescere.

Abbiamo anche trattamenti palliativi come antinfiammatori o protettori della cartilagine (condroprotettori). In casi molto gravi si può mettere una sedia a rotelle canina e il cane continua a camminare ma senza sopportare il peso del suo peso.

Ortocanis.com Team Tecnico

Elettrostimolazione per potenziamento muscolare

L’elettrostimolazione è uno strumento molto utile per migliorare i muscoli di un cane che ha subito un infortunio o un intervento chirurgico e di conseguenza ha un’atrofia muscolare.

Possiamo usare la corrente elettrica per stimolare i muscoli, valorizzarla e farla funzionare, è specificamente indicata nei casi di atrofia muscolare, e soprattutto nei casi in cui il cane non può fare un lavoro attivo. Se il cane può fare un lavoro attivo, l’elettroterapia sarà un supporto, mai la principale fonte di lavoro.

La forma dell’impulso che useremo sarà il bifasico rettangolare simmetrico che i principali autori indicano: Thepaut Mathieu 1992, Kramer 1984, Bircan 2002

pack-tens-para-perros

Gli appartamenti di elettrostimolazione umana possono essere adattati per elettrostimolare i cani senza troppi problemi, ma dobbiamo assicurarci di poter variare le frequenze, e soprattutto le ampiezze dell’impulso elettrico per adattarci bene alle caratteristiche del cane.
Non ci sono buoni studi di Cronassia nei cani, i valori approssimativi sono 0,3 umani, 0,2 cavalli e nei cani da studi di meno profondità intuit valori simili;
Sawaya – Meallier 2006, Brodart 1998, Coarasa 1999, Ramon 2007
L’intensità secondo Hultaman 1983 e Ogino 2002 dovrebbe essere elevata con contrazione visibile, senza raggiungere il limite del dolore ma del disagio. Il cane deve sopportare comodamente la sessione ma i muscoli devono lavorare intensamente.

La frequenza sarà contrassegnata in base all’obiettivo, vari autori convalidano questa opzione: Pougheon 1992, Busko 1989, Vanderthommen 2002.

Obiettivo Frequenza Tempo di trattamento Tempo di standby
Rilassamento: 5 Hz Continuo 0
Riscaldamento: 5 Hz Continuo 0
“Resistenza”: 10-20 Hz 9 2
Atrofia: 33 Hz 6 6
Forza: 50-100 Hz 5 25
Forza esplosiva: 100-200 Hz 3 30

I parametri possono variare leggermente a seconda dei singoli casi.
Il tempo di riposo può essere regolato se è attivo, è consigliabile utilizzare rampe prima di una forte contrazione muscolare.
L’intensità dovrebbe essere sempre la massima con relativo comfort.
Tempo totale tra 10 e 30 minuti a seconda della fase della lesione, affaticamento dei muscoli eccessivamente non aiuta a migliorare i muscoli correttamente.

È importante avere un dispositivo che soddisfi tutti i requisiti, se verrà utilizzato da un centro di riabilitazione canina o da un ospedale veterinario, si consiglia un appartamento desktop più professionale e con esso possiamo utilizzare programmi specifici per ciascuno dei nostri pazienti.

L’uso di elettrodi di gomma e gel di contatto è ugualmente raccomandato negli animali con pelo.

 

Orthocanis Squadra Veterinaria

Baner silla 728x90