Soluzioni per la displasia dell’anca nei cani. Metodo PennHIP

,

La displasia dell’anca è una delle difficoltà motorie più comuni nei cani, soprattutto quelli di grossa taglia. In Ortocanis lavoriamo ogni giorno per ampliare e migliorare la nostra gamma di prodotti per questo tipo di problemi e riteniamo che qualsiasi informazione aggiuntiva sia buona. Qui vi lasciamo un altro articolo interessante.

Presso l’Università di León è stato sviluppato un metodo radiografico per la diagnosi precoce di questa malattia con grandi ripercussioni emotive per i proprietari.

La displasia dell’anca è una malattia molto comune nelle razze di cani grandi e giganti, che consiste in uno sviluppo difettoso di questa articolazione.

In esso, le due ossa che formano l’articolazione, femore e bacino, non si adattano correttamente a causa dei diversi squilibri biomeccanici prodotti durante la crescita dell’animale. È una malattia ereditaria, quindi la soluzione principale per debellarla è evitare di allevare questi animali, anche se è importante controllare anche fattori come l’alimentazione, il peso o lo sforzo eccessivo del cucciolo durante la sua crescita, nonché la consanguineità nell’allevamento selettivo.

I sintomi presentati dagli animali variano a seconda della gravità della displasia, da una lieve zoppia alla totale incapacità dell’animale di condurre una vita normale.

La diagnosi di questa malattia non è facile, poiché non esiste un metodo che consenta di determinarla in tutti i casi. Il metodo accettato in Spagna ai fini della certificazione è quello radiografico, anche se presenta l’inconveniente di dover essere eseguito a crescita ultimata, cioè dopo dodici mesi per la maggior parte delle razze.

La diagnosi precoce può prevenire la trasmissione

Nella tesi di dottorato di Beatriz Melo Alonso, difesa all’Università di León e diretta dai dottori José Manuel Gonzalo Orden e Mario Manuel Dinis, la displasia dell’anca è stata studiata in una delle nostre razze autoctone: la Burgos Pointer.
Il risultato di questa ricerca è preoccupante, dal momento che il 59,3% degli animali studiati soffre di displasia dell’anca nei suoi diversi gradi, con il 18,6% di displasia grave. Questa alta percentuale dovrebbe avvisare le associazioni Burgos Perdiguero di cercare di sradicarla.

Diagnosi precoce

Lo svantaggio è che la suddetta tecnica diagnostica è molto tardiva e, quindi, ha un grande impatto emotivo sui proprietari.
Per questo un’altra parte della ricerca è consistita nel perfezionare, per questa razza, una nuova tecnica diagnostica sviluppata negli Stati Uniti denominata PennHIP o metodo di distrazione, che consiste nel prendere una radiografia specifica e prendere su di essa una misurazione chiamata l’indice di distrazione.

Questo studio ha concluso che con il metodo PennHIP questa malattia può essere prevista a partire dai quattro mesi di età, e durante la crescita dell’animale, con la stessa affidabilità, nel Pointer, ed è stato persino possibile enunciare una formula con la quale saprà il grado di displasia dell’anca che avrà in futuro dall’indice di distrazione che presenta a quattro mesi. Questo sistema potrebbe ridurre questa malattia, che ha tante ripercussioni, sia sull’animale stesso che sui proprietari.

Fonte: Università di León

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ 7 = 9