Trattamento della displasia dell’anca nel cane giovane

, , ,

La displasia dell’anca è un problema molto comune in alcune razze: BullDog, Bordeaux Doge, San Bernardo, Mastino napoletano, Pastore tedesco, Rottweiler, Golden… tutti hanno un’incidenza superiore al 20%.

La displasia è una malattia multifattoriale, multigenica ed ereditaria, cioè ci sono diversi fattori che predispongono e causano la displasia dell’anca, ci sono diversi geni coinvolti nel suo aspetto e ha un carattere ereditario.

I fattori ambientali stanno diventando sempre più importanti nello sviluppo della displasia dell’anca, il fattore genetico è necessario per sviluppare la malattia ma questo non è l’unico fattore. La genetica è un fattore necessario ma non esclusivo, cioè si può avere la predisposizione genetica e non sviluppare la malattia ma se non si ha una predisposizione è sicuro che non si sviluppi.

Ci sono diversi gradi di displasia, e anche quelli che compaiono quando il cane è un cucciolo o quelli che danno problemi già in età adulta; ma in questo articolo ci concentreremo sul trattamento e in particolare sul trattamento della displasia ai cani giovani.

Classificazione dei gradi di displasia secondo l’OFA :

Grado I: alterazione minima con piccola sublussazione e pochi cambiamenti degenerativi.

Grado II: marcata sublussazione laterale della testa del femore, il 25-50% della quale si trova al di fuori dell’acetabolo.

Grado III: il 50-75% della testa del femore è al di fuori dell’acetabolo; ci sono importanti cambiamenti degenerativi.

Grado IV: lussazione della testa del femore con appiattimento del bordo acetabolare e della testa del femore; ci sono importanti cambiamenti degenerativi.

La presentazione nel cane giovane è una radiografia dell’anca del cucciolo normalmente tra i 5 ei 6 mesi ed è segnata da una notevole zoppia.

Un cane non è considerato esente da displasia fino a quando a due anni di età già completati non si osservano problemi o incongruenze nelle radiografie di controllo.

Il cibo è uno dei fattori che predispone alla comparsa di displasia dell’anca, squilibri calcio-fosforo che devono mantenere una correlazione Ca1,6% – P1,1% e soprattutto non sovralimentare o fornire proteine in eccesso ci permette di minimizzare l’incidenza della displasia dell’anca. Una dieta ipocalorica da 3 mesi a 8 mesi protegge i cani con rapida crescita dalla displasia. L’eccesso di peso a 60 giorni è un altro fattore che predispone alla malattia.

La displasia dell’anca nel cucciolo di solito debutta da 5 o 6 mesi, prima che non sia possibile osservare alcun problema e il cane sia stato completamente normale e si sia sviluppato normalmente. Il debutto è solitamente presentato come una zoppia acuta che impedisce al cane di giocare come aveva fatto fino ad oggi. Possiamo osservare cambiamenti nel desiderio di giocare, negativi quando si va a fare una passeggiata, di relazionarsi con altri cani o proprietari. Frequenti sbalzi d’umore, frequenti scivolamenti delle zampe posteriori, disagio e persino rifiuto di essere toccati e il fatto di “fuggire” dai bambini in cani che fino a pochi giorni fa erano giocosi e affettuosi.

A volte quando si raggiunge il 90% della crescita tra 8 e 11 mesi i segni possono essere ridotti e persino scomparire. Comunque la displasia rimane e in molti casi i problemi riappaiono dopo un po ‘e prima o poi compaiono segni di artrosi nei fianchi.

I segni clinici più comuni sono:

Zoppia che può aumentare con l’esercizio fisico

Camminare e fare jogging con l’altalena dell’anca

Rigidità mattutina

Difficoltà ad alzarsi

Atrofia muscolare

Rifiuto di muoversi

Umore

Dolore alla palpazione

Segno di Ortolani.

Sebbene esistano metodi chirurgici: escissione del muscolo pectineo, tripla osteotomia dell’anca, artroplastica della testa del femore, osteotomia del pube, foraggio, protesi d’anca la maggior parte sono praticate quando il cane è giovane per presumibilmente diminuire la possibilità di osteoartrosi coxofemorale secondaria in età adulta. La protesi d’anca deve essere riservata ai casi gravi e una volta terminata la crescita.

Il trattamento medico si basa sugli antinfiammatori, possiamo iniziare con antinfiammatori naturali, come l’inflamex, che non contiene sostanze medicinali, se non otteniamo i risultati attesi passare ad Aine e in casi estremi si ricorre ai corticos. Dobbiamo includere nutraceutici in particolare condroprotettori poiché riducono l’incidenza dell’osteoartrite e proteggono la cartilagine articolare. Questi sono usati nei cani anziani in modo molto generale ma sono molto utili come protettore articolare nei cani in crescita, ci sono portatori di farmaci specifici per cani giovani. Riduzione del peso, esercizio moderato e soprattutto regolare sono altri punti fondamentali, così come i miglioramenti nell’ambiente e il fatto di dormire su un materasso speciale per cani anziani e in un luogo caldo lontano dall’umidità.

La fisioterapia canina può aiutare molto a sviluppare meglio i muscoli per ridurre il dolore, per attirare tensioni ed eliminare le compensazioni che il cane ha fatto con le posture sbagliate e le posizioni antialgiche. Questo sarà basato su TENS, ultrasuoni, esercizi terapeutici, l’uso di idroterapia, laser, onde d’urto …

Il principale miglioramento nell’ambiente è dormire su un buon materasso terapeutico, non essere freddo o esposto a molta umidità, utilizzare in inverno un cappotto termale per cani, poter essere una coperta canina terapeutica che può essere utilizzata tutto l’anno.

Possiamo aiutare il nostro Cane con displasia dell’anca, l’esercizio fisico regolare può essere molto utile per migliorare la massa muscolare che meglio resiste alla scarsa congruenza articolare, evitare impatti, salti o corse incontrollate durante la presentazione dell’immagine sono anche elementi importanti. Fisioterapia e massaggi permettono di avere sempre il cane in un corretto stato muscolare, e tutti i trattamenti coadiuvanti come agopuntura, massaggi, reiki, fiori di bach… possono anche aiutare con il trattamento. L’ultima novità sono i supporti dell’anca che aiutano a stabilizzare il bacino, dare supporto e migliorare notevolmente la qualità della vita dei nostri animali domestici.

Gianluca

Ortocanis.com Squadra

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ 6 = 7