Displasia dell’anca nel cane

Probabilmente una delle malattie più comuni nei cani di grossa taglia, qui spiegano di cosa si tratta.

La displasia dell’anca è la malattia osteoarticolare più comune nei cani. una malattia tipica dei cani di taglia grande e media, meno frequente nelle razze piccole.

Si presenta con una scarsa congruenza della cavità acetabolare (anca) con le teste femorali che possono apparire dislocate o sublussate, cioè fuori dalla loro sede naturale. La testa del femore, non avendo un buon rivestimento, “danza” e questo produce stress, infiamma e indebolisce l’articolazione e i tessuti periarticolari.

È molto comune che si manifestino alterazioni degenerative dell’osteoartrosi. L’osteoartrosi che si manifesta per displasia causerà problemi di infiammazione, dolore, che a sua volta farà sì che il cane porti più peso sulle mani, meno sui quarti posteriori e quindi utilizzi meno quarti posteriori e nel terzo posteriore compare una chiara atrofia muscolare che aggravare i sintomi.

I sintomi variano un po’ a seconda della razza e soprattutto dell’età del cane, bisogna pensare che per la diagnosi si esegue una radiografia di distrazione, cioè con il cane sdraiato e trazione simmetrica sugli arti posteriori, normalmente con il cane anestetizzato o fortemente sedato, ma i sintomi non sono sempre correlati al risultato radiografico.

A volte vediamo cani con molta displasia e che hanno poco o nessun dolore e anche il caso opposto, molto dolore con un risultato all’esame radiologico non così male. Il dolore dipende più dall’infiammazione dell’articolazione (sinovite) tra gli altri fattori che dalla displasia stessa.

A partire dai 5 o 6 mesi iniziano i segnali di pericolo, il cane sta male (mette in fuori una gamba), ha difficoltà a stare in piedi, non regge il peso sui quarti posteriori, può avere segni di dolore dopo l’esercizio, scivolamento, caduta, sbalzi d’umore, diventando più aggressivo, evitando la presenza del padrone quando lo accarezza e presentando l’andatura tipica del cane con displasia, che è dondolando la schiena e correndo come un coniglio. A volte alla fine della crescita i sintomi scompaiono o sono notevolmente ridotti al minimo, l’unico segno evidente che rimane è un’andatura oscillante.

La displasia dell’anca ha chiari indici di ereditabilità, anche se i cani sono spesso portatori ma non sviluppano la displasia dell’anca, non tutti i fattori ambientali come il rapido sviluppo e la nutrizione sono chiari, così come la genetica o i loro meccanismi d’azione e possiamo vedere prole con displasia dell’anca da genitori normali e anche viceversa, anche se non è molto etico allevare genitori malati.

L’eccesso di peso, una dieta non variata in cui i cani possono scegliere sono fattori che hanno dimostrato di aumentare le possibilità di soffrire della malattia. Il periodo più critico per lo sviluppo di questa malattia è compreso tra 3 e 8 mesi, ridurre l’apporto calorico e l’esercizio fisico regolare senza molto impatto potrebbe essere una decisione interessante per evitare la displasia dell’anca in questa fase. colchon para perros, artrosis, displasia cadera perros, perro anciano

Nei cani anziani i problemi sono determinati dall’artrosi che presentano, i sintomi più tipici sono difficoltà ad alzarsi, andatura ondeggiante dai fianchi, osserviamo che porta molto più peso davanti e che cammina con l’aiuto degli arti anteriori (remare più che spingere), hanno molta difficoltà a salire sulle zampe posteriori, a salire le scale, a salire in macchina o a salire sul divano. Nell’immagine possiamo vedere la posizione tipica che assume un cane con osteoartrosi dell’anca, con le gambe aperte per aumentare la base di appoggio e la testa in avanti per caricare più peso sulla parte anteriore, si può anche notare l’atrofia muscolare che esiste in quelli successivi.

A volte presentano una zoppia che scompare dopo aver camminato per un breve periodo, che si soffre maggiormente al mattino alzandosi, soprattutto se non si sono riposati correttamente o su un materasso adatto, gli arti sono solitamente flessi mentre camminano, il loro passi sono brevi poiché l’estensione delle anche fa male e presentano uno sviluppo molto importante della massa muscolare dei quarti posteriori (atrofia). I tempi delle passeggiate si riducono molto, il cane si siede o si sdraia e non vuole fare una passeggiata o per molto tempo durante la passeggiata.
Sebbene esistano varie classificazioni, la International Canine Federation si basa su questa classificazione:

  • Nessun segno di displasia.
  • Articolazioni dell’anca quasi normali.
  • Displasia lieve.
  • Moderato o medio.
  • Grave.

Nonostante esistano metodiche chirurgiche: escissione del muscolo pettineo, osteotomia tripla dell’anca, artroplastica della testa del femore, foraggio, protesi dell’anca… alla fine il trattamento è puramente palliativo, comprende la farmacologia: antinfiammatori e protettori della cartilagine, riduzione del peso, esercizio fisico moderato e soprattutto regolare, la fisioterapia può aiutare molto a sviluppare meglio i muscoli senza dolore per togliere le tensioni ed eliminare i compensi che il cane ha fatto, miglioramenti nell’ambiente: dormire su un buon materasso ad esempio il materassino per cani anziani , non essendo freddo o esposto ad alta umidità, e tutti i trattamenti coadiuvanti come agopuntura, massaggi, reiki, fiori di bach…

Possiamo aiutare il nostro cane con displasia dell’anca in molti modi: esercizio fisico regolarecolchón para perros, displasia, artrosis possono aiutarci molto a migliorare la massa muscolare che possono farci sopportare meglio la scarsa congruenza articolare, la fisioterapia e i massaggi permettono al cane di avere sempre un corretto stato muscolare, i protettori della cartilagine ritardano l’insorgenza dell’artrosi, gli antinfiammatori prevengono o riducono il dolore, noi può proteggere il cane dal freddo con coperte termiche e se il cane ha difficoltà ad alzarsi aiutatelo con un’imbracatura posteriore , è importante che il cane si senta a suo agio e che lo incoraggiamo a muoversi e fare esercizio.

Squadra Orthocanis

.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ 1 = 9