Rottura del legamento crociato anteriore. Fisioterapia e consigli durante il recupero.

, ,

In Ortocanis lavoriamo per migliorare la vita dei cani con problemi di mobilità, inclusi cani con disabilità fisiche permanenti e cani che necessitano di riabilitazione. Marta Subirats, nostra collaboratrice, vi parla della rottura del legamento crociato anteriore.

Dei quattro legamenti che compongono il ginocchio del cane, la rottura del legamento crociato anteriore è una delle patologie più comuni e la causa più frequente di osteoartrite degenerativa secondaria dell’articolazione del ginocchio. Le funzioni del legamento crociato cranico sono di limitare la rotazione interna della tibia e lo spostamento cranico della tibia rispetto al femore e di prevenire l’iperestensione del ginocchio.

protector-rodilla-perro (1)Se il tuo cane appare con una zoppia acuta, non vuole appoggiare la zampa per terra, o sembra fare qualche passo e la rimpicciolisce, e il suo ginocchio si gonfia, è possibile che il suo legamento crociato anteriore sia colpito.

C’è una predisposizione in alcuni cani a subire questa lesione. Da un lato troviamo cani di taglia medio-piccola (di razza e non) con zampe corte e generalmente in sovrappeso e, dall’altro, razze grandi e giganti che, per la loro morfologia, tendono a subire lesioni ai legamenti. Tra questi ultimi troviamo il Labrador, il Rottweiler, il Mastino Napoletano, il Boxer, ecc. In ogni caso, questa non è una regola e qualsiasi cane può avere una lesione ai legamenti per tutta la vita.

Oltre alle razze citate, ci sono altri fattori come sovrappeso, sedentarietà, disturbi endocrini, cani sportivi che non si riscaldano adeguatamente, scale, salite improvvise al divano o all’auto, o attività che sottopongono i legamenti a micro- trauma e che alla fine finiscono per danneggiarli con danni parziali o rotture totali.

Esistono due tipi di trattamento, conservativo e chirurgico, a prescindere che si scelga l’uno o l’altro, l’animale deve effettuare un corretto recupero di quel ginocchio affinché torni a funzionare ed eviti così recidive.

Gli obiettivi del recupero sono ridurre il dolore, il gonfiore e la zoppia, ritrovare la piena mobilità, massa muscolare e forza e il controllo dell’articolazione.

La fisioterapia varia a seconda dell’animale e del tipo di trattamento, conservativo o chirurgico e, in caso di intervento chirurgico, del tipo di intervento. Ci sono interventi chirurgici che richiedono più riposo e stabilizzazione rispetto ad altri. Il processo di recupero è considerato completo quando l’animale è in grado di svolgere le attività quotidiane e il suo ginocchio è in grado di ricevere carichi e movimenti senza rischio di nuove lesioni.

È importante che il tuo animale domestico riceva un trattamento riabilitativo da parte di professionisti qualificati che sceglieranno le migliori tecniche in modo che il recupero sia rapido ed efficace. Tra le terapie più utilizzate per curare un problema crociato troviamo: massaggi, mobilizzazioni, terapia con correnti, ultrasuoni, laser, acquaterapia, terapia di allenamento dell’equilibrio e della coordinazione.

Durante il periodo di recupero è importante che:

– Portate il vostro animale al guinzaglio durante le passeggiate ed evitate partenze improvvise verso altri cani e cambi di andatura, soprattutto all’inizio della convalescenza. Il tuo veterinario o terapeuta modificherà l’intensità dell’attività con il progredire del periodo di recupero.

– Tenere il cane lontano da pavimenti scivolosi. Una causa comune è la recidiva della lesione del legamento accompagnata da una lesione del menisco mediale.

– Evitare rampe e scale all’inizio del trattamento negli animali operati e negli animali sottoposti a trattamento conservativo. Una volta riabilitate, le rampe possono essere utilizzate per aiutare a salire sul divano e in macchina, poiché si consiglia di non farlo da sole, potrebbe esserci una recidiva.

– Si raccomanda che poggino su superfici morbide e pulite, ma che siano abbastanza solide da favorire l’incorporazione del materassino speciale per animali per cani

– Mantieni la pelle pulita e asciutta.

– Corretta alimentazione e controllo del peso. Essere in sovrappeso danneggia le articolazioni e ne genera di piùprotector-rodilla-canina-perro articulada dolore per l’animale

Durante il recupero o in quegli animali in cui può insorgere un’instabilità del ginocchio, l’uso di un’ortesi del ginocchio incernierata può giovare e prevenire il ripetersi o possibili complicazioni.

Le ortesi del ginocchio possono essere utilizzate nei casi in cui l’intervento chirurgico non è possibile o c’è qualche impedimento per eseguirlo. Queste stecche, progettate esclusivamente per problemi al ginocchio, consentono di aumentare progressivamente i gradi di flessione-estensione limitando i movimenti indesiderati, fornendo stabilità durante tutto il recupero.

Marta Subirats

Tecnica di fisioterapia Ortocanis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ 1 = 9